Altro #05 | Estate | pag. 7

Posted on Ott 2, 2014
Altro #05 | Estate | pag. 7

Magari ti fanno la vasectomia invece di operarti ai calcoli… ma ai mondiali non si rinuncia

Altro #05 | Estate | pag. 7 | di Simone Manara

In questi giorni si stanno disputando le partite del Mondiale Fifa e la mia squadra, l’Uruguai, ha tutte le carte in regola per fare bene. Oggi si disputa la partita decisiva con l’Italia e non la perderei per nulla al mondo, se non fosse che ho il turno in reparto. Le mie due passioni più grandi sono il mio lavoro d’infermiere e il calcio. Oggi mi avvio all’ospedale un po’ di controvoglia, devo ammetterlo. Appena arrivato però, ecco il mio collega del turno prece- dente che mi avvisa che è una giornata perfetta: tutti i pazienti stanno bene e sono stabili. In tutta la giornata neanche un’urgenza. Mi vesto, con qualche gesto di scaramanzia, poi saluto i colleghi che faranno il turno insieme a me, e aspetto. Sono passate ormai due ore da quando ho iniziato a lavorare e non è successo ancora nulla. Più che per i pazienti, sono contento per me. Un’idea s’intrufola nella mia testa. Fino ad oggi, a pensare che per il turno avrei perso la partita più bella della stagione, una rabbia! Tutto tace, provia- mo il giochetto. Mi dirigo verso la televisione ma cerco invano di accenderla: la presa della corrente è occupata dalla spina generale dei campanelli d’al- larme dei pazienti. Non mi ci vogliono più di due secondi per decidere di staccare la spina dei campanelli e di attaccare quella della televisione. Una volta accesa, trovo il canale su cui trasmettono la partita: giusto in tempo per vedere l’Uruguai che segna! Mi scappa un urlo. Tre dei miei colleghi arrivano allarmati. Mi hanno scoperto e chissà cosa dirà il caposala. Eureka, soluzione! Cerco altre sedie anche per loro. In fondo, si potrebbe anche dire che la mia più grande passione sia solo una: il calcio.

Leave a Reply