Altro #03 | Luoghi: testinomianza | pag. 4

Posted on Giu 19, 2014
Altro #03 | Luoghi: testinomianza | pag. 4

Dell’andare all’altro capo del mondo e trovare cose sorprendenti coe se dall’altro mondo venissero qua da noi e dicessero ohibò

Altro #03 | Luoghi: testinomianza | pag. 4 | di Nicola Crippa

Qualche mese fa ho avuto la fortuna di partecipare a uno dei più eccitanti ritiri Sacred Adventure, ritiri organizzati da Apurva Mastinu, un ricercatore del vero. Destinazione: Belize e Guatemala, America Centrale, terra popolata – ieri e oggi – dai Maya.
Scopo del ritiro era quello di conoscere e vivere la cultura Maya, a partire dalla pratica dei riti di guarigione che la contraddistinguevano.
Non sono mai stato in grado di narrare nella sua magica totalità tale esperienza, così piena di colori, di sentimenti, di odori, di stati meditativi tanto nuovi per il mio quotidiano da occidentale europeo che mi servirebbe un altro vocabolario per descriverle.
Però, se possedessi questo vocabolario, racconterei dell’avvolgente stupore nel vedere, appena arrivato in hotel a Belize City, un cameriere pregare e ringraziare un banano prima di staccargli religiosamente quelle stesse banane che ci avrebbe servito poco dopo per colazione, arrostite e buonissime. Racconterei anche della maestosità delle piramidi di Tikal, del silenzio che ti reca nell’animo la giungla, la farmacia degli dei, della tarantola che vedemmo appena giunti in un hotel guatemalteco, dei mille fiori tutti profumatissimi che ammirammo ovunque. Ti racconterei di Rosita Arvigo, una guaritrice Maya, il cui maestro sapeva in certe notti trasformarsi in altre forme animali, e i cui riti erano in grado di farti oltrepassare la normale concezione spazio-temporale. Racconterei anche della straordinaria capacità di Apurva di farti penetrare in quello spazio così distante dal nostro ma anche così intimo a tutti noi umani, ma poichè questo vocabolario ora non lo possiedo, preferisco lasciare a voi lettori, il piacere di fantasticare perchè possiate continuare da soli a immaginare questo viaggio.

Leave a Reply